Elounda, non solo vacanze di lusso

Elounda si trova 10 km a nord di Agios Nikolaos, nei pressi del lato nord-ovest della baia di Mirabello. La zona è una località turistica rinomata a livello mondiale, con alberghi costosissimi, per i più esigenti in fatto di lusso. Ogni anno Elounda ospita nella massima segretezza diversi Capi di stato e celebrità: personaggi importanti nel campo della politica e dell’economia, atleti e artisti del panorama internazionale. Non è un caso che ad Elounda ci siano tante piste di atterraggio per elicotteri privati! A parte il suo volto glamour e i costosi alloggi, Elounda offre ai suoi visitatori alcuni tra i paesaggi più belli della Grecia. La piccola città di Elounda, un villaggio di pescatori della piana di Lassithi, appartenente al territorio di Agios Nikolaos, non è particolarmente pittoresca e degna di nota, ma è costruita sulla costa della laguna idilliaca di Korfos Bay, che si forma tra il promontorio di Spinalonga e Creta, e questo la rende paesaggisticamente sorprendente. Avrete modo di rendervene conto da quando la avvisterete, giungendo da Agios Nikolaos a Lenika, dove non potrete fare a meno di fermarmi per godervi la vista. Davanti ai vostri occhi: la baia di Mirabello e la laguna di Elounda (o di Korfos, come anche è conosciuta), la lunga penisola di Spinalonga che è collegata a Creta da una stretta striscia di terra e, sullo sfondo, il pittoresco villaggio di Plaka e la famosissima isola di Spinalonga (o più correttamente il forte veneziano di Spinalonga, costruito per proteggere l’intera baia di Korfos, sull’isolotto chiamato Kalydon), che si può visitare in barca partendo dal porto di Elounda.

visitare creta

Soddisfatto il piacere per le bellezze naturali, volgendo lo sguardo a sud della penisola di Spinalonga, potrete invece vedere i famosi alberghi a 5 e 6 stelle! Costruiti in riva al mare, sono dotati di piccole spiagge e calette private; nelle acque trasparenti spesso sono attraccati costosi yacht privati. Tornando prosaicamente a situazioni più accessibili, e dirigendosi verso la cittadina di Elounda in macchina… o anche in autobus, avrete la possibilità di trovare una sistemazione o un pasto a prezzi medi. Nell’ottica che il costo della vita a Creta è ancora abbastanza contenuto ed è possibile trovare vitto e alloggio economici, sono garantiti anche ad Elounda camere e appartamentini di proprietari privati e piccoli alberghi e taverne a conduzione familiare, dove non dovrete spendere eccessivamente per le vostre vacanze. Ma potrete decidere anche solo di fare una passeggiata nella zona del porto e gustare un semplice caffè o una bibita a prezzo accessibile anche se la zona è indubbiamente turistica.

In cerca di spiagge tranquille, dallo Σχίσμα (Schìsma – scisma), questo è il nome che i locali danno alla zona in cui sorge Elounda, andando verso est si può raggiungere e visitare la penisola di Spinalonga. Nel tragitto vi colpirà il passaggio della strada sulla sottile striscia di terra che si estende nel mare, vedrete l’acqua sia alla destra che alla sinistra della strada. All’inizio del percorso, alla vostra destra, incontrerete le antiche saline di Elounda; principale fonte di reddito durante il periodo veneziano, che rifornivano di sale l’Europa. Oggi le saline abbandonate ospitano molte specie di uccelli, anche rare in Europa, come fenicotteri e aironi. Proseguendo si incontrano i vecchi mulini a vento di pietra e un ponte, anch’esso di pietra, che caratterizza uno dei luoghi più suggestivi di Creta. Sotto il ponte passa un canale molto stretto, chiamato Πόρος (Pòros – poro, piccola apertura), aperto dall’esercito francese nel 1897 per collegare il golfo di Mirabello con quello di Korfos. Vale la pena continuare la strada fino alla chiesetta di San Luca, da dove si gode di una vista stupenda della piccola isola chiamata Kolokytha. Proprio di fronte alla chiesetta, c’è un sentiero che conduce alla spiaggia di Kolokytha, famosa per le sue acque turchesi. A 1,5 km a nord della spiaggia, troverete la chiesa bizantina di Agios Fokas, che si raggiunge facilmente a piedi, Dedicata a Nikiforos Fokas, l’imperatore di Bisanzio che nel 961 d.C. liberò Creta dai Saraceni.

… continua a leggere …