Info introduttive su Creta

Un po’ di info introduttive su Creta: l’isola, oltre ad essere l’isola più grande della Grecia, è anche una delle più note a tutti i turisti del mondo per via dell’antico mito del Minotauro e del labirinto costruito dall’architetto Dedalo, sotto richiesta di Minosse, per rinchiudere appunto il feroce Minotauro: bestia dal corpo di uomo e dalla testa di toro la quale, secondo il mito, si cibava solo di carne umana e che venne poi uccisa da Teseo.

Creta, situata a sud delle isole Cicladi, è anche una delle isole più grandi di tutto il bacino del Mediterraneo e, ogni anno, è meta prediletta da moltissimi turisti per via delle sue acque cristalline, dell’ottimo cibo in perfetta tradizione cretese e, soprattutto, per le vestigia delle antiche civiltà che popolarono l’isola e che ancora possono essere visitate e ammirate.

L’isola deve il suo nome alla presenza massiccia di argilla, “creta” per l’appunto, con cui gli abitanti erano soliti costruire utensili e vasi; e la sua geologia è prevalentemente montuosa, infatti, le zone pianeggianti sono poche e la più importante e nota è la pianura di Messarà, situata nella parte sud dell’isola. Alcuni massicci montuosi sull’isola di Creta raggiungono persino vette di più di 2000 metri e tra questi i più noti sono: il monte Dikti Oros, il monte Ida e i Sipanielli.

A livello storico, Creta ha visto trionfare sul suo territorio diverse civiltà ed etnie, quella cretese dell’epoca minoica, romani e bizantini, veneziani e persino ottomani. Tutte queste popolazioni hanno lasciato un segno sul territorio e nei monumenti e edifici dell’isola rendendo così Creta un’isola dal patrimonio artistico e culturale di prim’ordine. Il Palazzo di Cnosso e il Museo Archeologico dell’isola di Creta sono infatti considerati tra i monumenti e i luoghi più preziosi a livello storico-culturale di tutta la Grecia ma anche del mondo intero e, ogni anno, richiamano quasi gli stessi turisti che si recano ad Atene per visitare la famosa Acropoli.

Il capoluogo dell’isola di Creta è la città di Candia che, probabilmente, deve il suo attuale nome al periodo in cui i veneziani conquistarono l’isola e in cui la utilizzarono come base per diversi commerci nel Mediterraneo. Il territorio dell’isola è poi suddiviso in più di una ventina di comuni di piccola o media entità che però non superano la totale estensione e popolazione del capoluogo Candia che vanta circa 160 mila abitanti.